…se guardo

…se guardo, non vedo più, il paesaggio, e l’orizzonte, o meglio, c’è, ma non mi appartiene, non mi appartiene più.. eppure gli alberi, le strade, i campi, il fiume, le case lontane, sono gli stessi, e la gente pure, tanta, troppa, la musica, il rock, i saluti, ciao come va, i bambini, i vecchi trattori, e le parole lontane lontane lontane, un piatto di costa e polenta, l’acqua, il vino e la cocacola, seduto, l’erba umida, ci sono e non ci sono.. so che c’è, la bellezza, ma è dolore, sono vuoti aperti in spazi che non conosco, sono vuoti in confini che non so trattenere.. se misuro l’intorno con le mie emozioni, il deserto ora forse mi appartiene e, ancora una volta, mi coglie il racconto di un’urbanistica dei sentimenti.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: