… l’istante prima

E’ l’istante prima del saluto che guardi il tavolo, ripassi i gusti del cibo che hai assaporato la sera. Gusti distratti dai discorsi e dai ricordi raccontati, la polenta gialla, il salame fresco. Una casa finita e inaugurata con la gente che si meraviglia di un immaginario domestico che non gli appartiene ma che sente vicino, è più di un intonaco bianco per ogni stanza, o della stanza dove la musica è stoppata al di dentro. Non se ne fa niente, per ora, la prossima settimana o la prossima ancora, si, e ci vorrebbe un distorsore o una leva sul ponte per aggiungere al suol un po’ di groove e gettare i suoni più duri e cattivi, da farci sorridere. 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: